Migrante che non sopporta Croce su Albero Natale è un Profugo

Condividi!

Ride, parla da solo e piscia per terra in una stanza del reparto di psichiatria dell’ospedale Fatenefratelli. E’ il gambiano di 21 anni che venerdì sera, davanti alla stazione Centrale di Milano, si è arrampicato sull’albero di Natale cercando di togliere la croce perché “No buona”.

Migrante strappa la Croce da Albero Natale a Milano: “No buono”

VERIFICA LA NOTIZIA

Ma, sorprese, una volta avviate le laboriose pratiche per rimpatriarlo, la polizia si è accorta che il gambiano ha un regolare permesso di soggiorno rilasciatogli per ragioni di protezione internazionale dalla commissione profughi della prefettura di Brindisi. Perché c’è la guerra in Siria, e lui è un profugo, come Kabobo.

Quando lo stesso profugo ha dichiarato di avere un domicilio a Ostuni, il questore ha firmato un foglio di via nel quale si dichiara l’incompatibilità della permanenza del soggetto a Milano, un provvedimento che in tempi strettissimi lo riporterà in Puglia.

Perché come sapete un pericoloso immigrato non può stare a Milano, ma è ‘buono’ ad Ostuni. C’è il foglio di via interno, ma non verso l’esterno.

Ieri mattina però ha cominciato ad agitarsi ed è stato condotto al Fatebenefratelli. Rimarrà lì in attesa di capire come pagarci le pensioni.




Lascia un commento