“Togli quei piedi dal sedile”, e il migrante prende a schiaffi autista



Condividi!

Era seduto con i piedi appoggiati sul sedile davanti al suo. Questo quanto ha portato l’autista del bus a redarguirlo. Un invito ad assumere un comportamento civile che però non è andato giù al giovane passeggero, un minore di 15 anni, che per tutta risposta, invece di mettersi composto e chiedere scusa, si è avvicinato al conducente dell’autobus della linea Cotral Laurentina-Torvaianica e lo ha preso a schiaffi. E’ accaduto nel pomeriggio di ieri nella zona dell’Eur davanti a decine di passeggeri che hanno da subito allertato il 112.

Trenord, licenziato Capotreno aggredito da senegalese: ha osato difendersi

In particolare l’aggressione è avvenuta mentre il mezzo delle linee pubbliche regionali viaggiava su via dell’Oceano Atlantico. All’altezza di via Cristoforo Colombo il bus è stato però costretto ad interrompere la propria corsa a causa della reazione violenta del 15enne.

VERIFICA LA NOTIZIA

Allertate le forze dell’ordine sul posto sono arrivati i carabinieri della Compagnia Roma Eur che hanno bloccato il 15enne. Indentificato in un minore residente nella baraccopoli istituzionale di Castel Romano lo stesso è stato quindi denunciato a piede libero in stato di libertà per violenza, interruzione di pubblico servizio e percosse. Scosso ma illeso l’autista del Cotral.

Baraccopoli istituzionale‘. Basta questo per definire la situazione in cui versano lo Stato e i media di distrazione di massa che ne sono, anche per i finanziamenti pubblici che ricevono, parte essenziale.



Lascia un commento