Ponte aereo dalla Libia, in arrivo centinaia di clandestini

Condividi!

Un volo dell’Aeronautica Militare è giunto da Tripoli all’aeroporto militare di Pratica di Mare con circa un centinaio di rifugiati. Gli altri arriveranno nelle prossime ore, con un secondo aereo. Le operazioni sono coordinate dal Comando Operativo di Vertice Interforze (Coi). Presente all’arrivo dei migranti allo scalo di Pratica di Mare il ministro dell’Interno Marco Minniti. L’iniziativa è nata da un’operazione congiunta tra il Ministero dell’Interno e la Conferenza Episcopale Italiana (Cei) che, in stretta coordinazione con l’Alto Commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite (Unhcr).

L’UNHCR, l’Agenzia ONU per i Rifugiati, ha annunciato oggi l’evacuazione dalla Libia all’Italia di 162 rifugiati altamente vulnerabili, tra cui minori non accompagnati e donne tenute prigioniere per lunghi periodi di tempo. “Per la prima volta, abbiamo potuto evacuare rifugiati estremamente vulnerabili dalla Libia direttamente in Italia. Un evento eccezionale e uno sviluppo accolto con grande favore che non sarebbe stato possibile senza il grande impegno delle autorità italiane e il supporto del governo libico. Speriamo davvero che altri paesi possano seguire lo stesso percorso”, ha dichiarato Vincent Cochetel, Inviato Speciale dell’UNHCR per il Mediterraneo centrale.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Questo è un giorno storico, per la prima volta è stato aperto un corridoio umanitario dalla Libia verso l’Europa”. Così il ministro dell’Interno Marco Minniti che ha accolto sulla pista dell’aeroporto di Pratica di Mare il primo gruppo di clandestini arrivati dalla Libia.

Ed è solo il primo ‘evento eccezionale’. Posto che siano realmente ‘vulnerabili’, e ne dubitiamo altamente, noi qui abbiamo anziani che muoiono al freddo sulle panchine. Non possiamo e non vogliamo spendere risorse che non abbiamo per sobbarcarci i problemi di chi è corso in Libia dal Senegal pagando migliaia di euro e poi è rimasto bloccato lì.

Senzatetto di 73 anni muore di freddo su panchina

E poi, perché proprio l’Italia, che è stato l’unico approdo di centinaia di migliaia di clandestini in anni di traffico? Perché abbiamo un governo di abusivi e diversamente onesti.




Lascia un commento