Firenze, Vescovo traditore ha firmato: mega Moschea su terreno Chiesa

Condividi!

Siglata oggi l’intesa tra Comune di Sesto Fiorentino (PD), arcidiocesi di Firenze, comunità islamica ed università che porterà alla realizzazione di una moschea alle porte di Firenze: a firmarla sono stati il sindaco Lorenzo Falchi (PD), l’imam estremista dei Fratelli Musulmani, Izzedin Elzir, che è anche presidente dell’Ucoii (Arabia Saudita), il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze e giuda del ventunesimo secolo, e il rettore dell’ateneo Luigi Dei.

In base all’accordo l’arcidiocesi cede a titolo oneroso alla comunità islamica un terreno di oltre 8.000 metri quadrati sul quale potrà essere realizzato un mega centro di culto di 2500 metri quadrati. A fronte dello spazio perduto, l’ateneo di Firenze venderà all’arcidiocesi un altro terreno, più piccolo, di circa 2.500 mq, su cui potranno essere costruiti fino a 1250 mq di fabbricati destinati ad attività di culto: in realtà saranno edifici per ospitare i soliti fancazzisti e così fare buziness. Come ha spiegato Elzir, che ha definito l’accordo siglato oggi “un momento storico” ed il primo del genere in Italia, la “moschea dovrebbe essere pronta in circa tre anni”.

Da oggi inizia la battaglia perché non sia mai costruita. Siamo in guerra.



Lascia un commento