Sgravi fiscali a Coop che assumono Immigrati



Condividi!

Ormai non si nascondo più, e sparano le ultime marchette a favore dei loro finanziatori e dei loro futuri elettori. La manovra è arrivata al rush finale. La discussione generale sulla legge di Bilancio avrà inizio alle 9 di giovedì. Le votazioni sono previste non prima delle 13: da allora ogni momento sarà buono per porre la questione di fiducia. E una delle principali novità di giornata sono gli sgravi alle coop che assumono i sedicenti rifugiati,

Un contributo, fino a tre anni, per le coop sociali che assumono nel 2018 a tempo indeterminato «persone a cui è stata riconosciuta protezione internazionale a partire dal primo gennaio 2016». Lo prevede un emendamento approvato in commissione. La proposta prevede l’erogazione di «un contributo entro il limite di spesa di 500mila euro annui a riduzione dello sgravio delle aliquote per l’assicurazione obbligatoria previdenziale e assistenziale».

VERIFICA LA NOTIZIA

Insomma, prima hanno incassato dai contribuenti miliardi per ‘accoglierli’, poi li possono assumere al posto di italiani, e i contribuenti devono, ancora, pagarli loro. Questo è scandaloso.

Quindi ricapitolando: le Coop finanziano il PD, il PD dà il via al traghettamento di massa, poi le Coop incassano i soldi dell’accoglienza e, casualmente, il PD approva gli sgravi fiscali perché assumano gli stessi profughi al posto di Italiani. Fantastico.



Lascia un commento