Bergoglio contro Italiani: “Vostro spazio prima o poi sarà occupato da quelli che verranno”

Condividi!

“Gli europei non sono una razza nata qui in Europa e sono europei. Hanno radici migranti”. Non in Italia, vista la storia millenaria.

“Il problema migratorio in Europa – ha detto Bergoglio secondo quanto riportato dal portale Vatican.news – è la più grande tragedia dopo la Seconda Guerra Mondiale” ed è un “problema che dobbiamo affrontare”. Un migrante che fugge dalla guerra o dalla fame “non può essere rifiutato. È una persona: bisogna accoglierla e integrarla. Questo significa non rinchiudere i migranti in un ghetto”.

Chi fugge da una guerra non vedere l’ora di tornare a casa, ma voi volete utilizzare guerre finite in un altro continente, per farci ‘accogliere’ chi arriva dall’Africa. Ed è in fuga dalle famiglie, non dalla guerra. Tutta gente che poi, tra l’altro, non volete in Vaticano, tranne quando molto piccoli naturalmente.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Integrare è accogliere la persona, dare un`istruzione e un lavoro”. Al contrario, l’abbandono della persona, l`isolamento, può creare problemi contro la pace fomentando i gruppi terroristici. Un percorso inverso è la mescolanza, nuove famiglie che nascono dall`integrazione dei popoli”. “Certo, il migrante deve rispettare le leggi di quella società che lo riceve, la sua storia”.

Poi la frase eversiva: “Gli europei non hanno figli. E quello spazio prima o poi sarà occupato da quelli che verranno”. Queste sono parole criminali che descrivono un progetto di sostituzione etnica che lui, falso Papa, facilita con i suoi deliranti discorsi.