Sala difende Porta Islamica: “Mercatini Natale nel 2018”

Condividi!

Sala difende il suk tunisino che ha sostituito i mercatini tradizionali davanti alla stazione Centrale. Ieri il sindaco ha concesso uno spazio anche ai milanesi, inaugurando il presepe nel cortile di Palazzo Marino, sede del Comune. Arriva dall’Umbria, è stato realizzato dall’associazione «Amici del presepe» di Città di Castello con il «Gruppo presepistico di Cascia» e si potrà visitare gratis per tutto il periodo delle feste: «Penso sia una tradizione da mantenere – dice Beppe Sala -, parte ovviamente dalla questione di fede, religiosa, ma alla fine è diventata anche un momento di festa per i bambini. Penso che vada assolutamente mantenuta e valorizzata, quello che stiamo facendo con la mostra del presepe a Palazzo Marino va in questa direzione». Miracolo, uno spazio anche per il Natale, quello vero.

Ma non montatevi la testa, dopo avere vietato l’uso della piazza per i mercatini natalizi e piazzato al loro posto la ‘porta araba’, ieri l’ha visitata: «Come sempre noi concediamo le autorizzazioni anche rispetto alle proposte che ci vengono fatte, quindi la risposta a Piscina (consigliere che aveva contestato la scelta ndr..) è: fate proposte. Se ci sono i prerequisiti minimi noi non neghiamo mai spazio a iniziative che rendono vivi i luoghi, anche un pò prescindendo dal fatto che l’allestimento sia bello o meno bello, purché abbia un senso e richiami attenzione».

VERIFICA LA NOTIZIA

Bizzarro. Loro concedono uno spazio, a “prescindere che l’allestimento sia bello o meno”. Del resto mica sono lì per questo.

Sta di fatto che la giunta comunale nella seduta del primo dicembre ha approvato le «linee di indirizzo per la realizzazione di eventi aggregativi per la valorizzazione del territorio». E ha negato ai Municipi la promozione diretta di eventi in luoghi clou come San Babila, parco Sempione, Cadorna, Santa Maria delle Grazie e (appunto) piazza Duca d’Aosta. «Al Municipio viene vietato ogni evento ma il Governo tunisino può installare una struttura imponente, l’anno prossimo speriamo di averla a disposizione per i mercatini» ha ribadito il presidente legista. L’assessore alla Cultura Filippo Del Corno, verificata la delibera, gli ha risposto su Facebook che «è un errore a cui possiamo porre rimedio dal 2018». Intanto, tenetevi il suk e la porta araba.




Lascia un commento