Parroco invita bimbi cristiani alla ‘rivolta’: “Portate il Presepe nelle classi dove è vietato”

Condividi!

“Il presepe ovunque: sarebbe bello che ognuno di voi portasse il presepe sul banco. In quei posti dove oggi si dice: nessun simbolo religioso deve entrare”: il parroco della chiesa della Santissima Annunziata di Sturla, don Valentino Porcile, scrive un post su Facebook che invita alla ‘Rivolta del Presepe’, ovunque questo venga vietato.

Il parroco ha pubblicato un’immagine del presepe, spiegando di averla regalata ad oltre trecento bambini e ragazzi, in chiesa. E ha dato loro una missione: “Un’immagine da appendere all’albero, se volete. Oppure da mettere dove più vi piace. Sarebbe bello che ognuno di voi la attaccasse al diario di scuola, e che portasse il presepe sul banco, in quei posti dove oggi si dice: nessun simbolo religioso deve entrare“.

Il post, supportato da tanti commenti entusiastici dei fedeli, sta invece facendo innervosire i cultori del multiculturalismo, per il mandato che affida ai piccoli di “portare il presepe dove nessun simbolo religioso deve entrare”, così come, dicono loro, deve accadere nelle scuole pubbliche. Come se il ‘pubblico’ fosse neutro per natura. Asessuato, come piacerebbe a loro.




Lascia un commento