Borsalino chiude, Boldrini riunisce gli ‘innovatori’



Condividi!

La richiesta di concordato della Haeres Equita srl, società dell’imprenditore Camperio, è stata respinta.

Così il tribunale ha dichiarato il fallimento della storica marca di cappelli Borsalino, che la società dello svizzero gestiva dopo l’affitto del ramo.

Nel pomeriggio i sindacati vedranno i curatori, Stefano Ambrosini e Paola Barisone, e i lavoratori. Manca al momento un comunicato ufficiale da parte dell’azienda alessandrina.

VERIFICA LA NOTIZIA

Dopo un primo “no” a dicembre del 2016, quella che è arrivata oggi è la seconda richiesta di concordato respinta dal tribunale di Alessandria. “Abbiamo già chiesto un incontro con i curatori fallimentari e, nel pomeriggio, incontreremo anche i lavoratori”, ha detto Elio Bricola (Uil).

“Per quel che sappiamo al momento – ha aggiunto – è ragionevole che i contratti del ramo d’affitto vadano comunque avanti, nell’interesse di tutti”.

Il Borsalino divenne un simbolo nel 1942, quando a indossarlo fu Humphrey Bogart in Casablanca. Nel 1970 Alain Delon intepretò un film che si intitolava proprio Borsalino, quando il cappello era all’apice del suo successo.

Nel frattempo, la cazzara abusiva:



Lascia un commento