Rom devastano canile, cuccioli al gelo



Condividi!

Dori, Charlie, Bread e Bianca. Lo sguardo triste, le orecchie basse, la paura nelle zampe. Il timore di morire dopo una notte passata al gelo. Come due anni e mezzo fa quando gli zingari attaccarono il canile. Da quel 21 maggio del 2015, giorno dell’ultimo infame raid ai danni del rifugio Enpa, ne è passata tanta di acqua sotto i ponti.

Tra le aggressioni degli zingari e le minacce degli operatori del civico 8 hanno fatto capolino, in via Germagnano, telecamere e torri-faro che hanno trasformato il canile in una piccola caserma. «Ma ora – racconta Tiziana Berno, una delle più agguerrite volontarie – ci tocca di nuovo fare i conti con i furti e con queste cattiverie».

VERIFICA LA NOTIZIA

Sì perchè mentre la prefettura dava l’ok per l’avvio del presidio dei vigili qualcuno, dall’altra parte di Torino, si preparava all’ennesima intrusione non autorizzata nel canile. O meglio in quel fortino che conta anche filo spinato e muri rinforzati. «Manca solo più il fossato per proteggerci da quegli zingari» attacca un’altra anziana volontaria.

Lega manifesta contro vandali anti-canile: Questura blocca la ‘ruspa’

Era il 2015 quando c’è stata la prima disastrosa incursione, con furti e danneggiamenti della struttura e dei suoi macchinari, e più di 100 mila euro di danni. «La convivenza con i rom è diventata impossibile – dice Tiziana Berno, responsabile del canile Enpa – oltre a questi due fatti, veniamo continuamente infastiditi da lanci di tegole e pietre. Respiriamo ogni giorno fumi tossici, e viviamo con una discarica a cielo aperto sotto ai nostri occhi». Marco Bravi, responsabile Enpa di Torino e provincia: «Stiamo risolvendo i danni al rifugio per evitare di mantenere esposta la struttura, ovviamente a nostre spese».

L’appello dell’Enpa è alla città: «Vogliamo un presidio fisso della polizia municipale, come è stato fatto con la vicina Amiat – dice Tiziana Berno -. Oppure trovateci un altro posto in cui poter fare il nostro lavoro».

Lascia un commento