Scuola Milano censura la parola Natale per non turbare Islamici

Condividi!

“Dopo i presepi e i crocefissi, ora anche le feste di Natale vengono ostacolate nelle scuole”, denunciano Samuele Piscina (Lega), presidente del Municipio 2 di Milano e Laura Luppi, assessore alle politiche educative.

Presidente Municipio,fomentano intolleranza verso nostra cultura
Immagine fornita da Presidente Municipio 2 Samuele Piscina
VERIFICA LA NOTIZIA

“È il caso dell’Istituto Comprensivo Italo Calvino, vicino a viale Monza, dove la festa di Natale – spiegano – è stata trasformata nella ‘Grande festa delle buone feste‘, tra le proteste di molti genitori”. “La parola ‘Natale’, simbolo della nostra fede e della nostra cultura, non discrimina nessuno – ribadiscono Piscina e Luppi -, non garantisce il rispetto di nessuno, non produce una scuola e una società accoglienti e inclusive, ma fomenta l’intolleranza nei confronti della nostra cultura, dei nostri usi, delle nostre leggi e delle nostre tradizioni. Anzi le scuole dovrebbero essere le prime custodi di queste tradizioni che appartengono alla nostra storia e che hanno segnato la nostra cultura con tutto ciò che ne è conseguito in termini di rispetto e di libertà”.




Lascia un commento