PD: 500mila euro per esporre barcone a Milano

Condividi!

L’idea iniziale del PD era di piazzarlo direttamente in Piazza Duomo:

Salvini contro barcone clandestini davanti al Duomo: “Avete rotto!”

Ora ripiegano su un museo. La spesa? Oltre mezzo milione di euro per esporre quello che loro definiscono il ‘barcone della morte’ che diede il via alla famigerata operazione Mare Nostrum. Stiamo parlando dell’imbarcazione naufragata il 18 aprile 2015 a largo di Tripoli con 700 clandestini a bordo. Almeno questo è quello che dicono ‘loro’.

La cifra che il Ministero della Difesa dovrebbe stanziare servirà per «la messa in sicurezza, il trasporto e l’installazione presso l’università degli studi di Milano». Roba da guardoni. Da fanatici che stanno fondando una nuova religione, come vediamo già dai presepi.

Ad esigere lo stanziamento l’emendamento alla legge di Bilancio firmato da Lia Quartapelle, capogruppo Pd alla commissione Affari Esteri. Lo stanziamento, soldi dei contribuenti, «autorizza il Ministero della Difesa alla spesa di 500mila euro per l’anno 2018» per il trasporto dalla base militare di Melilli a Milano perché venga esposto nel museo dei diritti a Città studi.
L’emendamento è passato alla commissione Difesa della Camera e ora attende il sì della commissione Bilancio. Oggi partirà l’esame degli emendamenti alla Finanziaria. L’idea di Quartapelle, che ha «rischiato» di essere nominata ministro degli Esteri dall’allora premier Matteo Renzi, che poi le preferì Paolo Gentiloni è che «con il museo non ci limiteremmo a ricordare, daremmo un segno per il futuro».

VERIFICA LA NOTIZIA

Ricordiamo che il recupero del barcone – non si capisce perché l’Italia dovesse recuperare un barcone con clandestini Africani affondato a Tripoli – c’è costato oltre 20 milioni di euro:

Scandalo: altri 20 milioni di euro per recupero barcone affondato in Libia

Ma si sa, per i ‘migranti’, anche morti durante un viaggio illegale, i soldi ci sono sempre.




Lascia un commento