Paesi islamici contro la Storia: “Gerusalemme capitale della Palestina”



Condividi!

Nella dichiarazione finale del vertice straordinario di Istanbul, l’Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) ha definito “Gerusalemme est come capitale dello stato di Palestina occupato”, invitando tutti i Paesi del mondo a fare altrettanto.

“Siamo qui per promuovere il riconoscimento di Gerusalemme est come capitale della Palestina da parte della comunità internazionale e la formazione di uno stato palestinese entro i confini stabiliti nel 1967”, aveva esordito il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, prima di denunciare la scelta di Trump. “Non rimarremo mai silenti dinanzi a una decisione che danneggia la coscienza dell’umanità nel profondo, una decisione il cui obiettivo è quello di legittimare l’invasione della Palestina da parte di Israele”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Proclamiamo Gerusalemme Est capitale dello Stato di Palestina e lanciamo una appello agli altri Paesi a riconoscerne la legittimità”, hanno poi dichiarato i leader musulamani in un comunicato pubblicato al termine del summit.

Erdogan ha sottolineato che “almeno 196 Paesi Onu sono fermamente contrari” alla decisione di Trump. “Ringrazio tutti i Paesi che non hanno accettato questa decisione. Nei colloqui che ho avuto fino ad ora anche il Papa si è mostrato in linea con questa posizione”. Il presidente turco ha accusato gli Stati Uniti di provocare un incendio che “brucerà tutta la regione e il mondo”.

Sono dei gran chiacchieroni.



Lascia un commento