Sequestrata e violentata per 24 ore da due tunisini ad Asti



Condividi!

Una 30enne italiana è stata picchiata e violentata per 24 ore da due bastardi tunisini dopo essere stata rapita e segregata in uno scantinato di Asti, dove è stata legata a una brandina con il cavo di un telefono. E’ l’integrazione.

La giovane donna è stata liberata dalla polizia grazie a un messaggio che la 30enne, con un passato da tossicodipendente, era riuscita a inviare a un’amica tramite WhatsApp. I due tunisini sono stati arrestati.

VERIFICA LA NOTIZIA

E’ così che le italiane entrano in contatto con i bastardi nordafricani che il PD traghetta in Italia dalla Libia.



Lascia un commento