Tunisini incendiano centro accoglienza, Senatore PD: “Poverini, li trattiamo male”

Condividi!

Abbiamo dato notizia ieri. Ora le immagini della devastazione. Gli ospiti hanno appiccato l’incendio intorno alle 23 di sabato, dando fuoco a lenzuola e tovaglie. In pochi attimi le fiamme sono divampate distruggendo tre padiglioni. Pareti annerite, solai danneggiati e pezzi di intonaco caduti dappertutto.

Non solo. Non appena operatori e vigili del fuoco sono intervenuti, sono stati “bersagliati” dal lancio di oggetti, comprese scarpe, sedie e altri oggetti personali degli ospiti. E uno degli stranieri ha strappato di mano l’estintore a uno degli operatori accorso per domare i focolai e avrebbe anche cercato di usarlo contro di lui come oggetto contundente. Criminali veri.

Invece di scaricarli nel mare da cui sono venuti, i delinquenti che alloggiano nei padiglioni interessati hanno trovato una sistemazione nei padiglioni vicini e alcuni sono stati anche trasferiti in altri Centri di permanenza.

Non è la prima volta che scoppiano disordini a Pian del lago; in alcuni casi non sono mancati gli scontri tra persone di diversa etnia sfociate anche in regolamenti di conti che hanno avuto come teatro il centro storico cittadino.

VERIFICA LA NOTIZIA

Nei tre padiglioni dove si è verificato il rogo erano trattenuti 90 clandestini tunisini. Le forze dell’ordine hanno provveduto a circondare la zona e fare uscire gli immigrati dai padiglioni, mentre i vigili del fuoco avviavano le procedure per domare le fiamme. Attualmente al “Cara” di Caltanissetta ci sono 400 stranieri clandestini. I tunisini vanno scaricati in Tunisia un’ora dopo lo sbarco, non messi in centri di accoglienza. E se la Tunisia non li vuole, perché sono ex detenuti, si faccia come Israele: in Uganda.

E oggi interviene un loro collega, il senatore Francesco Campanella: “Un incendio – concede magnanimo – non è mai accettabile, ma consideriamo le condizioni in cui versano i richiedenti asilo accolti in un Cie. Io ci sono stato e penso che l’Italia e l’Europa dovrebbero offrire altri tipi di opportunità ed accoglienza a chi affronta un viaggio rischiando tutto per sopravvivere. Quando un essere umano non ha commesso nulla di male e ha investito tutto quello che ha per salvare la propria vita sperando nelle opportunità che questa terra gli potrebbe dare e invece gli vengono negati tutti i diritti, ci stupiamo davvero se pensa di non aver più nulla da perdere?” conclude il senatore.

Questi sono clandestini tunisini, ex detenuti tunisini che vengono a delinquere in Italia, e questo ‘senatore’ parla di ‘diritti’. Era meglio quello di Caligola.

Ma chi è questo Campanella? Eletto nel M5S (ne hanno imbarcati di sinistrati), con un passato nei DS e in Rifondazione, è poi tornato all’ovile del PD attraverso MDP, una delle frattaglie in maggioranza.




Lascia un commento