Ferrara, parla vittima picchiata da 5 immigrati: “Chi ci difende?” – VIDEO

Picchiata e rapinata da cinque individui mentre tornava da una sera con le amiche e si dirigeva verso la casa del fratello. Emergono ulteriori dettagli sul grave fatto di violenza ai danni di una ragazza di 32 anni, Sandra Maestri, avvenuto giovedì notte, verso le 21,45 in zona Gad, ormai in balia degli spacciatori africani e dei cosiddetti profughi.

Secondo quanto riferito alla polizia, la ragazza stava andando a casa del fratello dopo aver trascorso un’oretta in compagnia di alcune amiche in un’enoteca. Ma, giunta in piazza XXIV maggio, è stata accerchiata e picchiata, sia al volto che all’addome, da cinque individui che la stampa locale definisce di colore, che poi sono scappati, portandole via la borsetta.

La stessa borsetta che la 32enne ha riferito di aver ritrovato più tardi, prima di andare in questura a sporgere denuncia, aperta e adagiata su una panchina, con a fianco il suo portafogli, anch’esso aperto a svuotato dei 500 euro che il padre le aveva consegnato in serata come compenso per l’attività lavorativa al mercato ortofrutticolo del giovedì, nell’anello dell’Acquedotto. Non è chiaro se gli aggressori fossero a conoscenza di questo fatto e abbiano agito pianificando la rapina o se se abbiano scelto la vittima a caso.

Circondata e picchiata da 5 Africani, l’hanno ridotta così – FOTO

Una volta arrivata in questura gli operatori della polizia hanno immediatamente allertato i soccorsi vedendo le ferite ancora visibilmente sanguinanti. La ragazza è stata portata al pronto soccorso.
Ormai le nostre città sono fuori controllo. Bande di profughi sciamano a branchi a caccia di vittime, preferiscono donne e anziani. Questo, ovviamente, in attesa di pagarci le pensioni.

Ps. Nel giornale locale che parla della vicenda, per scoprire che si tratta di 5 immigrati, quasi certamente ‘profughi’, bisogna cercare con il lanternino ‘di colore’ in mezzo all’articolo. Anche nascondere le notizie è fake news. Voi giornalisti a cottimo siete fake news.



Lascia un commento