Bomba contro i carabinieri, Gabrielli delira: è piu’ grave manifestazione di FN contro Repubblica

Uno dei primi burocrati che il prossimo governo deve rimuovere il giorno 1, e definendolo ‘burocrate’ siamo generosi, è il capo della Polizia, il manganellatore di italiani Franco Gabrielli, che oggi ne ha sparata un’altra delle sue.

Parlando dell’ordigno esploso ore prima davanti a una stazione dei carabinieri di Roma, ha spiegato: “È un fatto grave ma non dobbiamo amplificarlo oltremodo. Questi episodi sono avvenuti anche in passato. Vorrei quindi dare un messaggio di rassicurazione. Per certi aspetti – ha concluso Gabrielli – ritengo molto più grave la piazzata che è stata fatta ieri nei pressi della redazione di un gruppo editoriale importante”.

Ma certo. Nel meraviglioso mondo di Gabrielli, una bomba contro i Carabinieri non è grave, è grave la protesta contro il giornale di fake news Repubblica: un ‘importante gruppo editoriale’. Ci piacerebbe avere contezza dei rapporti tra Gabrielli e quel gruppo.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ovviamente sdegnata la reazione del segretario di Forza Nuova Roberto Fiore: “Chiedo le immediate dimissioni di Gabrielli da capo della Polizia di Stato, le sue dichiarazioni a proposito della maggiore gravità degli eventi ieri fuori la redazione romana de La Repubblica (reati contravvenzionali) rispetto all’attentato terroristico alla caserma dei Carabinieri di San Giovanni denota lo stato mentale delle nostre istituzioni”.

Gli eversori non sono nelle strade, sono nei palazzi.



Lascia un commento