Alfano non si candida, tanto non lo votava nessuno

Condividi!

“Ho scelto di non ricandidarmi in Parlamento perché ritengo che servano dei gesti per dimostrare che tutto quello che ho fatto e stato dettato da una profonda responsabilità nei confronti dell’Italia”, ha detto il leader di Alternativa popolare e ministro degli Esteri, “Dal 5 di marzo, se si voterà il 4, non sarò ne ministro ne deputato. Dimostrerò che si può fare politica anche fuori dal palazzo”. Magari gestirà qualche centro di accoglienza. E comunque: per fare il ministro non serve essere deputato.

“Non ho ancora parlato con Matteo Renzi: non avevo dovere di comunicazione con lui, è una scelta molto personale. L’ho detto a mia moglie che condivide, anzi di più e a mio padre e a mia madre. Solo a loro tre”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Per la prima volta nella storia due movimenti lepenisti ed estremisti, Lega e Fdi, sono in maggioranza – con più o meno il 20% – all’interno del centrodestra. Renzi ha emarginato i comunisti e il centrodestra ha imbarcato i lepenisti”. Ma ha emarginato i ladri.

Lascia un commento