Profughi sgozzano animali prima di imbarcarsi, per propiziarsi gli dei

I clandestini africani, quelli che Bergoglio identifica come ‘cristiani’, si preparano al viaggio che li porterà verso l’Italia affidandosi ai maghi e alla magia per propiziare la traversata, con riti vodoo che si portano dietro anche durante la permanenza in Italia.

A raccontare questa delirante pratica è La Verità. Le risorse che ci pagheranno le pensioni, prima di partire si rivolgono alla Dea dell’Acqua, Mammy Water, chiamata anche Mami Wata. Il rituale propiziatorio prevede di girare a petto nudo con una gallina sgozzata in mano e una campanella.

Poi stregoneria, ipnosi e altri rituali. In questo modo, si legge nel reportage di Alberto Cicala, si debellano “le paure durante viaggi in altri Paesi, rende l’ emigrante imbattibile, nel bene e nel male. Il rituale evoca gli spiriti che dormono nelle acque del fiume, avvertendoli che, se disobbedirai al giuramento rituale, ti indurranno alla pazzia fino alla morte”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Il Native doctor – scrive La Verità -comincia chiamando per nome la persona che si trova inginocchiata davanti a lui e come in una preghiera chiede risposta a tutte le dichiarazioni recitate. Vengono gettati a terra conchiglie e sassolini, mentre con una lametta si taglia un ciuffo di capelli della ‘vittima’ e si preleva sangue da un dito poi raccolti in un fazzoletto. Il rituale continua finché l’ individuo cade in un trans indotto dall’alcol (gin e polverine composte da radici di alberi medicali) e dalla carica emotiva che si insinua progressivamente, tra fumi d’ incenso ed esalazioni alcoliche. Lo stregone sputa una miscela da lui composta in precedenza verso il viso della vittima e da quel momento il legame è stretto”.



Lascia un commento