Ha quattro figli ma lascia la casa ai profughi e va a vivere con il prete

Anche quest’anno il premio cuckold etnico dell’anno va a lui, Antonio Calò

Quando si dice accoglienza a 90 gradi. Dopo aver accolto in casa propria, a Camalò di Povegliano nel Trevigiano, sei richiedenti asilo, il professor Antonio Calò e la moglie Nicoletta a Natale si trasferiranno a Treviso. Andranno ad abitare assieme al parroco di Santa Maria del Sile don Giovanni Kirschner.

Mattarella premia Calò perché ospita africani a 35 euro al giorno

«La casa rimarrà a loro disposizione – afferma Calò, il professore di liceo che nell’estate di due anni fa, ingolosito dal business dell’accoglienza, e desideroso di accogliere altri 6 membri nella propria famiglia, decise di dare ospitalità a 6 richiedenti asilo, nonostante sia padre di 4 figli -. Sarebbe bellissimo che, se riuscissero a ricongiungersi con i loro familiari, potesse diventare una casa africana». Certo, quelli lasciati in mezzo ad una guerra che non c’è.

VERIFICA LA NOTIZIA


Lascia un commento