Trump espelle il clandestino assolto per omicidio

Sarà espulso dalle autorità americane Jose Ines Garcia Zarate, il clandestino messicano assolto dall’accusa di omicidio di Kathryn Steinle, 32 anni, uccisa da un proiettile mentre camminava su un molo di San Francisco nel luglio 2015. Lo rende noto il vice direttore del dipartimento per l’ immigrazione Thomas Homan. Lo ha voluto Trump.

Rivolta e feroci polemiche negli Usa, aveva causato ieri il verdetto assolutorio. Una giuria di San Francisco ha ritenuto Jose Ines Garcia Zarate (45 anni) colpevole non dell’assalto ma solo del possesso dell’arma, con cui ha sostenuto di aver sparato per errore. Ora rischia da 16 mesi a tre anni. Trump aveva incontrato i genitori della ragazza, insieme ad altri familiari di vittime degli immigrati, durante la campagna elettorale.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Un verdetto scandaloso nel caso di Kate Steinle! Nessuno stupore se la gente del nostro Paese e’ cosi’ arrabbiata per l’immigrazione illegale, COSTRUIAMO IL MURO!”: ha subito twittato il presidente americano Donald Trump, commentando la decisione.



Lascia un commento