L’ultimo italiano del quartiere: teste di polli dentro la cassetta delle lettere per farlo sloggiare

Condividi!

Vivere lì dove nessuno vuole vivere. Resistere nonostante il degrado, la paura, le angherie, le amministrazioni che non risolvono i problemi. Marco Trevisan, 44 anni, ingegnere, sposato e padre di due bimbi di due anni e mezzo, a suo modo è un sopravvissuto. È l’ultimo italiano rimasto in via Cairoli e non ha alcuna intenzione di andarsene. Vive lì da quando è bambino ed è testimone del decadimento di questa fetta di città che si nutre di stazione. «Ormai con gli spacciatori ci vado d’accordo, io mi sento difeso e protetto da loro. È un po’ quello che succede con le mafie. Se lo Stato è assente, sei costretto a cercare appoggi in qualche maniera».

Cosa intende?

«L’estate scorsa sono venuti a rubare a casa mia. Sulla strada c’è una telecamera di videosorveglianza. Speravo che qualcuno controllasse le immagini, invece no: denuncia archiviata e nessuno ha guardato. Gli spacciatori mi hanno aiutato a trovare parte della refurtiva e mi hanno promesso protezione in cambio di omertà. Se io non chiamo la polizia, loro fanno la guardia. Così adesso quando arrivo a casa lascio l’auto con le chiavi inserite e nessuno la tocca».

Questa però è una china pericolosa. E l’omertà non produce mai nulla di buono. Tutt’altro.

«Io ho trovato teste di polli dentro la cassetta delle lettere e sono stato minacciato con un coltello. Sono anni che combatto. La situazione ti costringe a trovare protezioni laddove ti vengono offerte».

Qual è il problema precisamente? Lo spaccio?

«Il problema non è che uno vende la dose, oggi è illegale ma domani chissà. Ciò che dà fastidio è che chi viene qua vive nel degrado. Ciò che rende impossibile la vita da queste parti è l’inciviltà. Di notte si ubriacano, si picchiano, fanno pipì per strada e anche altro. L’illuminazione è insufficiente, di conseguenza qualcuno viene appositamente per urinare. E il risultato è che casa mia si trova al centro di una latrina diffusa e mia moglie all’imbrunire non può uscire a buttare la spazzatura. Avevo riposto tanta speranza in una Chinatown. I cinesi sono ordinati e lavorano dalla mattina alla sera. Con loro puoi parlare e ragionare. Si radicano, hanno bambini. Qui però stanno chiudendo persino loro. Non è un problema etnico. È la zona che è invivibile e infrequentabile».

VERIFICA LA NOTIZIA

L’ultimo italiano della stazione di Padova non riesce a correlare il degrado in cui vive con il ‘problema etnico’. Se siamo ridotti così è grazie a quelli come lui: che tollerano.




Vox

Lascia un commento