Leggere un documento non è squadrismo, è libertà di espressione



Condividi!

Da come i media di distrazione di massa hanno e stanno trattando quanto avvenuto ieri a Como, si ha proprio l’impressione che tutto il sistema mediatico italiano sia, in realtà, un gigantesco apparato di fake news.

Irruzione pacifica in sede ong pro-invasione: “Ora potete riprendere a discutere di come rovinare la nostra patria” – VIDEO

Se non ci fosse il video a testimoniare quanto accaduto, si penserebbe ad una incursione di persone armate di mazze e bastoni. Invece c’è stata l’educata lettura di un documento, durante la riunione di chi si stava organizzando per violare la legge attraverso il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina a Como. Pazzesco come i media rovescino totalmente la realtà. A partire dalla definizione bufala di ‘naziskin’. I media sono fake news.

E questo al di là del fatto che uno condivida o meno le posizione del VFS, che non sono naziskin, hanno il diritto di esprimerle. E quelle che hanno espresso a Como sono condivise dal 99% degli italiani che non scrivono bufale sui giornali come Repubblica.

“Siamo basiti da come la lettura di un documento, definito in vari modi da vari personaggi, ma mai pubblicato integralmente dagli organi di stampa, abbia scatenato un cosi’ ampio dibattito sul ritorno del fascismo e dello squadrismo in Italia”, scrivono gli attivisti del VFS sul loro sito.
“Nessuna aggressione , nessuna violenza solo la lettura di un documento.

“Forse, e diciamo forse, non e’ che la cosa che ha dato fastidio sono i contenuti di tale documento?

“In tale documento sono, a nostro parere, palesate alcune delle discrepanze piu’ evidenti rispetto alla situazione sull’immigrazione.

“Come nella storia del Re Nudo, tutti sanno che non ha i vestiti ma guai a chi lo dice.

“La semplice lettura di un documento mette in crisi la democrazia in Italia, una democrazia fondata da decenni di propaganda a senso unico e , in questo caso si, di letture “lavacervelli” nelle universita’, nelle scuole e in tutti i luoghi in cui la formazione di un libero pensiero viene indottrinata dai canoni del politicamente corretto.

“Bene, stupendovi tutti, noi possiamo dire che il libero pensiero sopravvive ai vostri dogmi ed alle vostre imposizioni.

“E’ quasi un ossimoro il fatto di essere tacciati di “uniformita’ e pensiero unico” da una miriade di persone che esprimono lo stesso identico pensiero e lo stesso identico giudizio.
Beh ,come si diceva, se un documento ha scatenato tutto questo putiferio da parte dei benpensanti, vi garantiamo che ne seguiranno molti altri tutti permeati dello stesso vigore, della stessa semplicita’ e dello stesso entusiasmo del bambino che si alzo e’ grido’: IL RE E’ NUDO.

La realtà è che se non la pensi come loro, che tu sia contro le adozioni gay, piuttosto che contro l’immigrazione; leghista o grillino, estremista di destra o altro, non hai diritto di parola.



Lascia un commento