Profughi si barricano nel centro: “Ora spacchiamo tutto”

Hanno minacciato di spaccare tutto e si sono barricati dentro la struttura i migranti ospiti dello Sprar di Curcuraci (Messina). Hanno bloccato porte, finestre e il cancello principale con dei mobili accatastati e hanno preteso di parlare con le forze dell’ordine per spiegare le ragioni della protesta.

VERIFICA LA NOTIZIA

Gli immigrati hanno lamentato la mancata distribuzione del “pocket money” giornaliero, la paga per gli stravizi che diamo loro oltre a vitto e alloggio.

L’occupazione è poi cessata alcune ore dopo, con l’arrivo delle forze dell’ordine.

“Promuoverò un incontro con la Amministrazione a tutela dei lavoratori e dei migranti”, ha spiegato Antonio De Luca, del M5s che è stato avvisato della protesta e si è recato subito sul posto: “Un incontro per verificare se è tutto in regola dal momento che mi risulta non essere la prima protesta ma addirittura la terza, bisogna fare chiarezza sulla gestione nell’interesse di tutti”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Intendo capire la situazione prima di pronunciarmi in modo netto – scrive in una nota neoeletta all’Ars Elvira Amata -. Disordini di questo genere sono preoccupanti e sempre correlati al disagio: sia quello che le ingenera che quello che determinano”. “Va da sé che è necessario comprendere se e quali diritti siano stati lesi in questo caso e individuare le responsabilità. E, una volta per tutte, sarebbe opportuno che chi di dovere iniziasse a seguire con attenzione le dinamiche della vita di questi centri, nell’interesse di chi vi è ospite, degli operatori che sono attivi al loro interno e dei cittadini che vivono nelle zone in cui i centri sono ubicati. Una circostanza quest’ultima, che non mi stancherò mai di bollare come assurda: si è imposta una convivenza sregolata spesso in zone che vivono già problematiche sensibili e si vedono trascurate – se non abbandonate – dalle istituzioni, senza porsi il problema di come questa coesistenza vada gestita con la cittadinanza locale, evitando che si verifichino situazioni di rivolta come quelle a cui nel nostro paese (e anche a Messina) abbiamo già assistito. E la memoria torna ai recenti fatti di Bisconte. Le istituzioni hanno il dovere di tutelare i cittadini, non lo si dimentichi”, conclude Elvira Amata.



Lascia un commento