Mafia nigeriana controlla le palazzine olimpiche di Torino

Condividi!

“La magistratura indaghi sulla presenza della mafia, nigeriana e non solo, che controllerebbe i posti letto al Moi e non solo al Moi”. E’ un coro bipartisan quello che si è levato all’ultima puntata di Backstage, la trasmissione web di Torino Oggi condotta da Patrizia Corgnati.

Torino: primi alloggi nuovi per gli spacciatori e abusivi ex-Moi

Dell’esistenza di una simile situazione si sono detti convinti sia Gianluca Vignale, consigliere regionale per il Movimento nazionale per la sovranità che Davide Ricca, presidente della Circoscrizione 8 ed esponente del Pd: un punto sul quale si sono trovati in totale sintonia nonostante una visione delle tematiche inerenti l’immigrazione del tutto contrapposte. “Il racket dei letti non è solo a Ostia con il clan Spada – ha sottilineato Vignale -: c’è una mafia che controlla questo racket. Se a qualcuno interessa. Mi piacerebbe che la magistratura e gli organi giudiziari si interessino a questo tema”. “Al Moi ci sono questo tipo di fenomeni di controllo”, ha concordato Ricca.

Milizie nigeriane occupano il territorio: “Stanno armando i profughi”

Beh, la Mafia nigeriana controlla l’immigrazione nigeriana in tutta la filiera: importa come ‘profughi’ centinaia di migliaia di spacciatori e prostitute, e poi le alberga in palazzine che controlla grazie alla compiacenza dei politici. Probabilmente, queste sono le voci ma lo dice anche la logica, finanzia alcune ong che traghettano migranti.

VERIFICA LA NOTIZIA




Lascia un commento