Concerto Povia in parrocchia, Carabinieri chiedono ‘chiarimenti’ e PD invoca intervento magistrati

Condividi!

Ora, immaginate di essere un prete – ma anche un cittadino qualunque – e di vedervi arrivare i carabinieri a chiedervi conto dei contenuti del convegno che avete organizzato. Questo avveniva nella DDR, questo avviene nell’Italia di oggi.

“Non sono omofobo, ma la teoria gender è contro la dottrina della Chiesa cattolica”. Don Pasquale Amoruoso è costretto a chiarire la sua posizione sul convegno: “La famiglia naturale: i bambini sono maschi e le bambine sono femmine. La famiglia è uomo-donna”.

Sulla questione è intervenuto il parlamentare PD Dario Ginefra, che ha invocato l’intervento dell’Autorità Giudiziaria. Per: “La famiglia naturale: i bambini sono maschi e le bambine sono femmine. La famiglia è uomo-donna”. Il deputato sottolinea di essere «davvero preoccupato che una persona, una qualsiasi persona, possa scrivere simili bestialità, figuriamoci un uomo di fede, un pastore. Penso che nessuno possa approfittare della propria posizione per diffondere questo tipo di messaggi di odio verso altri esseri umani». «A mio modesto avviso – conclude – le sue parole e le sue iniziative vanno ben oltre il diritto dell’esercizio del culto e della libertà di pensiero e di parola». Insomma: al gabbio!

Nell’Italia di oggi abbiamo parlamentari che comprano bambini all’estero e poi si ‘sposano’ in Italia, e nessuno li arresta. Ma abbiamo altri parlamentari che invocano l’arresto di chi organizza un convegno in cui si dice che i maschi sono maschi.

Alla Sala delle Rose, luogo scelto per l’evento, è previsto anche il concerto di Povia, la cui indisponibilità costrinse il parroco di San Giuseppe a rimandare l’evento già previsto a maggio. “Abbiamo iniziato a prendere coscienza della teoria gender, in contrapposizione a ciò che catechizza la Chiesa, ormai tre anni fa – spiega il sacerdote. Mi hanno definito omofobo, ma non è assolutamente vero. Sono stato padre spirituale di numerosi omosessuali, non mi scandalizzo di certo, la Chiesa aiuta chiunque ha bisogno. Va precisato, però, che l’omosessualità è altra cosa rispetto all’idea di immaginare la famiglia non formata da un uomo e una donna. Tra chi mi accusa ci sono tanti che applaudono Papa Francesco, ma non si rendono conto che anche lui si è espresso in maniera inequivocabile a sostegno della famiglia benedetta dalla Chiesa”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Sono arrivati i Carabinieri in chiesa. “Avevamo già pensato di informare le forze dell’ordine – dice don Pasquale – ma non ho avuto tempo per farlo avendo avuto una giornata piena di impegni. Hanno ritenuto di chiedermi personalmente come fosse organizzata la manifestazione e altri dettagli tecnici perché evidentemente saranno presenti, in modo da assicurare il necessario ordine pubblico”. Smentita dunque la voce della denuncia, almeno per ora.




Lascia un commento