Algeria rimpatria 10 mila clandestini africani, spende solo 9 milioni di euro

L’Algeria ha sborsato 9 milioni di euro per rimandare 10.000 donne africane nei loro paesi di origine. Lo ha rivelato il presidente del CNDH (Consiglio nazionale per i diritti umani ) in una dichiarazione alla stampa a margine della Giornata sulla violenza contro le donne in Africa.

Il funzionario, che non ha specificato il periodo durante il quale è avvenuto il rimpatrio di questi 10.000 clandestini, ha insistito sul rigoroso rispetto, durante queste operazioni, delle regole definite dal diritto internazionale del diritto umano, in particolare il il rispetto dei diritti e della dignità dei migranti e in particolare delle donne incinte.

La scorsa settimana, il CNDH ha sottolineato la necessità di garantire il rigoroso rispetto della dignità della persona umana durante le operazioni di rimpatrio volontario dei migranti irregolari, in conformità con gli obblighi internazionali e regionali dell’Algeria.

VERIFICA LA NOTIZIA

“In relazione alla sua posizione geografica e alle tradizioni di buon vicinato e impegno verso l’Africa, e più specificamente verso i paesi sub-sahariani, l’Algeria ha svolto un ruolo efficace nel fornire l’assistenza necessaria ai migranti dei paesi africani, secondo la sua capacità di assistenza e la sua politica di solidarietà, hanno sempre espresso la volontà di trattare profondamente questo fenomeno e trovare le soluzioni adeguate “, ha affermato la stessa autorità. Rimandandoli a casa loro. Come dovremmo fare noi. Non costa nemmeno tanto: con 100 milioni di euro ne rimandi a casa 100 mila. Gli stessi che ci costano 2 miliardi di euro mentre gozzovigliano in hotel.

Se lo fa l’Algeria, possiamo farlo anche noi.



Lascia un commento