Restano in carcere zingari stupratori di Roma

Restano in carcere i due zingari accusati dello stupro di due ragazzine italiane di 14 anni avvenuto nel maggio scorso a Roma. Lo ha deciso il tribunale del Riesame di Roma che ha respinto le istanze di scarcerazione presentate dai difensori di Mario Seferovic, 21 anni, e Maikon Halilovic, 20 anni.

VERIFICA LA NOTIZIA

Lo stupro avvenne il 10 maggio scorso in un boschetto nel quartiere del Collatino. Legate ad un recinto con delle manette che avevano portato i due zingari, le due furono 14 enni vennero violentate da “Alessio il sinto”, il nome scelto da Seferovic per chattare su Fb, mentre il complice faceva da palo.



Lascia un commento