Famiglia Rom vende bambina a pedofili: “Lasciati palpeggiare”

La madre, la nonna e la zia della minore la costringevano a mendicare dal mattino alla sera davanti a un supermercato per dieci lunghi anni, da quando la bambina aveva solo 4 anni. Passava le giornate davanti al supermercato Conad del Trullo, a Roma, e se non tornava la sera nel campo rom comunale di via Candoni con abbastanza soldi: pestaggi.

Quando Esmeralda compie 13 anni la famiglia la inizia a un nuovo lavoro: farsi palpeggiare dai vecchi in cambio di soldi. “Faceva schifo, ma almeno non prendevo le botte”, dice Esmeralda.

Siamo nell’inverno 2015 quando una casalinga la vede in atteggiamenti intimi con un anziano e segnala il fatto alle autorità. Ora il processo per le tre donne, accusate di riduzione in schiavitù e di sfruttamento della prostituzione di una minore. Inoltre, due uomini sono indagati con l’accusa di atti sessuali con minorenni. Le due sorelline di Esmeralda erano anche loro costrette a mendicare per anni nel pomeriggio. Dopo la scuola.

VERIFICA LA NOTIZIA


Lascia un commento