Profugo ospite in centro accoglienza: ha 10 mila euro in contanti e conto corrente



Condividi!

Gli investigatori hanno trovato una parte dei guadagni incassati dalla banda di quattro ‘profughi’ africani arrestati l’altro giorno durante l’operazione anti-tratta della polizia a Ventimiglia.

I quattro vivevano a spese dei contribuenti da diversi anni nei centri di accoglienza straordinaria dell’imperiese, ma secondo gli inquirenti uno di loro aveva aperto un conto corrente ed aveva nella sua disponibilità, pure in contanti, una somma di oltre diecimila euro.

VERIFICA LA NOTIZIA

I poliziotti ora stanno cercando altri soldi guadagnati dagli ospiti dei CAS con la tratta dei migranti. E’ inoltre emerso che i quattro africani a volte indicavano senza scrupoli la strada verso la Francia, spesso pericolosa. Altre volte avrebbero accompagnato i migranti sulla linea di confine abbandonandoli poco dopo a loro stessi. Per ognuno di loro, i passeur africani avrebbero intascato un compenso dai 150 ai 300 euro. Uno dei punti di adescamento per la tratta dei clandestini sarebbe stata la stazione ferroviaria di Ventimiglia, dove le forze dell’ordine erano state duramente criticate da alcuni famigerati attivisti No Borders, quelli al soldo di Soros.

Fanno presto a ‘mettere da parte’. Vitto e alloggio lo paghiamo noi. Più paghetta, vestiti e altri benefits, compreso barbiere e lavanderia. Tutto il frutto del loro ‘lavoro’ finisce in banca.



Lascia un commento