Africano 15enne aggredisce genitori adottivi con un’ascia mentre dormono

Ieri mattina alle 6.06, improvvisamente, è entrato in camera loro armato di un’accetta. Come in un film horror ha iniziato a colpire.

Siamo a San Macario in Piano, Lucca. L’aggressore è il figlio, scrivono i media. Senza precisare che si tratta del ‘figlio’ adottivo di 15 anni, del centro Africa.

Il ragazzino africano ha sorpreso i ‘genitori’ a letto e ha tentato di ucciderli.

La ‘madre’, dopo l’aggressione, ha riportato una profonda ferita alla testa. Solo l’intervento del ‘padre’ ha evitato il peggio.

Sul posto è intervenuta l’automedica e un’ambulanza. La paziente è stata quindi trasferita all’ospedale.

Intervenuta anche la polizia che ha provveduto all’arresto del giovane che è stato condotto in questura.

VERIFICA LA NOTIZIA

Smettete di importare africani. L’adozione strappa i bambini dal loro contesto naturale e crea traumi che poi possono sfociare in violenza. E’ un danno per la società ospitante e per gli stessi bambini. Adottata a distanza. Da dove non possono usare l’accetta.



Un pensiero su “Africano 15enne aggredisce genitori adottivi con un’ascia mentre dormono”

  1. L’adozione presso una famiglia bianca non cambia il DNA dei negri di merda, molto piu’ violenti dei bianchi e dal quoziente d’intelligenza medio di molto inferiore a quello dei bianchi, in quanto i negri si sono evoluti (evoluti e’ una parola grossa) separatamente dal resto della popolazione mondiale.
    I negri sono una sottospecie subumana che dovrebbe essere fisicamente separata da noi bianchi, quindi in Africa !

Lascia un commento