Ora i migranti ci storpiano anche l’Inno di Mameli

Condividi!

Ora ci storpiano anche l’Inno. Il noto sito immobiliare Idealista.it ha pensato di buttarsi nel business dei ‘nuovi italiani’ in questo modo:

Loro lo chiamano ‘rendere omaggio’. Ma tradurre un inno è un controsenso in sé. Babele. Dove nessuno capisce l’altro e per questo crolla tutto.




Vox

Lascia un commento