Vaccini: Consulta boccia ricorsi Veneto

Condividi!

La Corte ha dichiarato non fondate tutte le questioni prospettate nei ricorsi della Regione Veneto sull’obbligo dei vaccini. Secondo i giudici costituzionali, le misure in questione rappresentano una scelta spettante al legislatore nazionale. E questa scelta non è irragionevole, poiché volta a tutelare la salute individuale e collettiva e fondata sul dovere di solidarietà nel prevenire e limitare la diffusione di alcune malattie. Lo ha deciso al termine della camera di consiglio, rimarcando che il passaggio da una strategia basata sulla persuasione a un sistema di obbligatorietà dei vaccini si giustifica alla luce del contesto attuale caratterizzato da un progressivo calo delle coperture vaccinali. E inoltre che in base alla legge la mancata vaccinazione non comporta l’esclusione dalla scuola dell’obbligo dei minori, che saranno di norma inseriti in classi in cui gli altri alunni sono vaccinati.

VERIFICA LA NOTIZIA

I vaccini sono utili. Ma sarebbe molto più utile non importare masse di individui da zone infette. Individui, ovviamente, mai vaccinati.

Ad esempio:

Vietato disinfettare i banchi usati dai profughi prima che li usino i bambini, per il PD è “razzismo”

A meno che l’intento non sia proprio creare una emergenza di ‘nuove malattie’, per poi essere ‘obbligati’ a vaccinare. Non è che Big Pharma finanzia i politici pro-immigrazione perché questa rende necessari i suoi vaccini?




Lascia un commento