Torino: più servizi e migliore accoglienza per gli studenti stranieri (islamici)

Un accordo interreligioso che va incontro a tutti gli universitari di fede e di cultura diverse che hanno scelto gli atenei torinesi per completare il loro percorso di studi. Una firma tra il Comune, nella persona dell’assessore ai Diritti (DEGLI IMMIGRATI) Marco Giusta, e vari comitati rappresentanti i diversi credo per sostenere il progetto Torino Città Universitaria.

Evidentemente non era abbastanza dare le borse di studio ai terroristi islamici:

Torino: borse di studio ai boia di ISIS, selfie con chi bruciò vivo pilota giordano

Più servizi e più dialogo

Ecco così migliorie nell’accoglienza degli studenti da ogni parte del mondo: tutte operazioni che significano più sostegno per gli universitari stranieri e più comunicazione e dialogo. Iniziative che si orienteranno lungo le quattro direttrici del progetto: Internazionalizzazione, Orientamento, Sistema tra formazione, ricerca, impresa e lavoro e Sostenibilità. Il 7% dei 100mila iscritti tra Politecnico e Università di Torino viene da altri paesi. Al Poli in particolare, gli stranieri sono il 15%, con un incremento per l’anno accademico 2017-2018 del 24%.

E si sa, poco conta che siano iscritti solo per organizzare attentati, come nel caso scoperto nei giorni scorsi.

VERIFICA LA NOTIZIA

Alla firma hanno partecipato anche l’Associazione Giovani Musulmani, il Centro Mecca di via Botticelli e la Moschea di piazza Cattaneo.

Il PD e in questo caso anche il M5S hanno una fissa: favorire gli immigrati. Sempre e comunque.



Lascia un commento