BLITZ IN CENTRO ACCOGLIENZA: ARRESTATI 30 PROFUGHI SPACCIATORI – VIDEO

Condividi!

Il blitz antidroga nel pomeriggio di mercoledì è proseguito fino a notte inoltrata. Decine di agenti della squadra mobile della questura di Lecco, con l’ausilio della divisione anticrimine di Milano e delle unità cinofile, hanno fatto irruzione all’interno del Ferrhotel, il centro di accoglienza straordinario aperto dall’agosto del 2015 a pochi passi dal municipio del capoluogo lariano, dove sono ospitati 131 richiedenti asilo. I poliziotti hanno passato al setaccio la struttura. Un centinaio gli immigrati che sono stati perquisiti e identificati.

Le forze dell’ordine hanno sequestrato diverse dosi di droga confezionate e pronte per essere cedute, in particolare agli studenti che frequentano la zona, vicina ai principali istituti superiori e passaggio obbligato per raggiungere la stazione ferroviaria. Droga è stata trovata anche all’interno del centro di accoglienza, gestito dalla fondazione Arca.

Ecco cosa sono venuti a fare gli Africani in fuga dalla guerra in Siria, oltre a stuprare: a spacciare droga ai ragazzini. E il governo li ha proprio piazzati davanti alle scuole. Criminali. Abusivi e criminali.

Complessivamente sono state fermati una trentina richiedenti asilo ospiti del Cas. La perquisizione è scattata al termine di mesi di indagini condotte con l’utilizzo della tecnologia e con appostamenti e controlli. Le telecamere posizionate dalla polizia in diversi punti avrebbero ripreso i profughi mentre rifornivano di droga gli studenti, che avevano ormai come riferimento fisso la strada per rifornirsi di stupefacenti. Da registrare anche la paura e le proteste dei cittadini della zona costretti da tempo a convivere con una situazione di degrado e di timore che andava aggravandosi di giorno in giorno.

VERIFICA LA NOTIZIA

Mesi di indagini. Quando bastava non farli arrivare. O rimandarli da dove sono venuti. Quanto a noi: vogliamo un governo che applichi agli spacciatori il metodo Duterte. Nel caso dei profughi che spacciano, è circonvenzione di incapaci rispetto ai cuckold che li ospitano.




Lascia un commento