Mondiali, la remota eventualità di un ripescaggio



L’Italia è fuori dai mondiali di Russia 2018. Al di là delle bufale che circolano in rete, c’è però una remota (e drammatica) possibilità di un ripescaggio: l’articolo 7 del regolamento della Fifa.

Italia, ipotesi ripescaggio al Mondiale: il web si scatena

“Qualora un’associazione (delle 32 qualificate) si ritiri o sia esclusa dalla gara, il comitato organizzatore della FIFA deciderà sulla questione a propria discrezione e prenderà qualsiasi azione ritenuta necessaria. Il comitato organizzatore della FIFA può in particolare decidere di sostituire l’associazione in questione con un’altra associazione”.

Se una squadra dovesse ritirarsi, non sarà sostituita da quella che ha eliminato ma sarà la Fifa a scegliere, Una decisione totalmente discrezionale, a prescindere da classifiche, ranking o qualificazioni (in cui comunque l’Italia avrebbe un ottimo piazzamento: nel ranking è la migliore seconda dei 9 gruppi europei a non essere qualificata).

Accadde alla Danimarca che poi vinse gli Europei del 1992 sostituendo la Jugoslavia dilaniata dalla guerra.

VERIFICA LA NOTIZIA

Le papabili potrebbero essere Iran e Arabia Saudita, sia per questioni interne che per un eventuale conflitto ‘caldo’ tra loro, entrambe sono al centro di una escalation in Libano e Yemen o la Corea del Sud, grazie a zio Kim Jong-un.

Ma andare al mondiale così, ovviamente, non lo vuole nessuno. Forse.



Lascia un commento