Sharif, l’Imam estremista che si è finto minorenne per avere Asilo



Il sedicente «imam di Bari», Sharif Lorenzini, ha mentito alle autorità italiane al suo arrivo in Italia nel 1993 dichiarando delle false generalità.

Ha falsificato la data di nascita, facendosi passare per minorenne quando era già maggiorenne. Ha dichiarato di essere nato a Tikrit in Iraq mentre è nato ad Alessandria d’Egitto. Si è presentato come cittadino iracheno mentre è cittadino egiziano.

Per il momento giuridicamente si configurano i reati di false generalità, sostituzione di persona e ingresso clandestino. Formalmente sono reati prescritti, ma resta la sostanza della denuncia. Perché ci troviamo di fronte ad un personaggio pubblico che millanta una serie di cariche religiose, che l’hanno accreditato come un’autorità religiosa presso la Chiesa e le istituzioni dello Stato, presentandosi come «imam di Bari», Presidente della «Comunità Islamica d’Italia», vicepresidente della «Comunità Islamica della Puglia».

VERIFICA LA NOTIZIA

Così come vanta una serie prestigiosa di cariche imprenditoriali: presidente di Halal International Authority; amministratore delegato della Sinterivet Srl, società che opera nel settore dei sistemi innovativi per il riciclo e il recupero del vetro e di rifiuti solidi; ex presidente del Consiglio d’amministrazione della Ccib, società che si occupa di consulenza internazionale e appalti; ha ricoperto ruoli di responsabilità in multinazionali come Anas S.p.A, Procter & Gamble, American Express, Alegna Marconi.

Giornalista Repubblica si sottomette e intervista imam tutta velata di nero – VIDEO CHOC

Sul piano accademico Sharif, che si presenta come «professore» e «ingegnere», vanta una laurea di Ingegneria della produzione industriale conseguita al Politecnico di Torino, una laurea conseguita alla Business School dell’Università di Brighton, una laurea specialistica alla International Business Development & Management.

Imam lancia ‘fatwa’ contro Salvini e Allam: “Condannati a morte”

L’anno scorso Sharif è stato incaricato dalla Procura di Bari di rieducare un ragazzo albanese che inneggiava all’Isis impartendogli un corso di religione islamica. Nell’attesa che ora la Procura faccia luce sulla vera identità di Sharif, mi auguro che la Chiesa e le istituzioni dello Stato si astengano dall’intrattenere rapporti con un personaggio quantomeno dubbio.

Specifichiamo che il tribunale di Bari ha rigettato la demenziale richiesta della procura definendola ‘incostituzionale’. Ci sono ancora giudici, in Italia.



Lascia un commento