Profughi sequestrano educatore, furiosi per servizi inadeguati



Sequestrano un educatore per protestare contro le condizioni del centro di accoglienza dove sono ospitati che ritengono inadeguate al loro status.

Undici sedicenti profughi, di cui 10 presunti minorenni, ospiti in un centro di accoglienza di Gela, nel Nisseno, sono stati denunciati a piede libero per sequestro di persona.

Il gruppo ha sequestrato un educatore, che evidentemente non li ha educati, perché non è possibile farlo, impedendo con la violenza che uscisse dalla struttura.

Quando la polizia è arrivata nel centro di accoglienza in cui è stato sequestrato l’operatore, ha trovato undici fancazzisti su tutte le furie.

VERIFICA LA NOTIZIA

Gli undici migranti, sono stati identificati dalla polizia e segnalati alla Procura di Gela e alla Procura minorile di Caltanissetta.



Lascia un commento