Profughi in fuga: “Qui ci fa schifo, vogliamo Milano” – FOTO



La vicenda degli 80 richiedenti asilo ricollocati in una frazione di 7 abitanti:

Governo invia 80 africani in frazione di 7 abitanti

Si arricchisce di contorni tragicomici. I profughi imposti ai cittadini locali, infatti, non sono soddisfatti dell’accoglienza. Troppo isolata e troppi pochi potenziali clienti a cui spacciare.

Quindi se ne sono andati. Di notte, come fantasmi.

«Ieri sono arrivati altri profughi. – scrive in un post a corredo di un’elequente foto il signor Giuliano su Facebook – Non serve spiegare perché, quando hanno visto la base Nato di Erbezzo, non volevano nemmeno scendere dal Pullman. Stanotte hanno deciso che il luogo non fa per loro e sono partiti a piedi per Verona da dove poter raggiungere Milano. Tutto nelle prime 24 ore dal loro arrivo e nella perplessità e preoccupazione di chi a Erbezzo ci abita».

VERIFICA LA NOTIZIA

Perché sono in fuga dalla guerra in Siria. La sperduta località della Lessinia non ha entusiasmato i fancazzisti. A loro servono città per potere entrare nel business.

Così, a chi durante la loro “fuga” li ha incrociati, compreso il sindaco del paese Campedelli, hanno risposto che volevano andarsene da Erbezzo in direzione “Milano o Roma”, ovviamente procedendo a piedi di notte, chiedendo poi informazioni sulle distanze.

Buon viaggio. E speriamo che non arriviate.

Avvertiti i carabinieri, secondo quanto riportato dal quotidiano L’Arena, gli otto “fuggitivi” sarebbero poi stati ritrovati quest’oggi nei pressi di Poiano e sono stati condotti in Questura. Il sindaco di Erbezzo ha quindi fatto sapere che incontrerà nelle prossime ore i titolari della cooperativa di Vercelli che ha in gestione la struttura d’accoglienza per valutare come gestire la situazione.



Lascia un commento