Bambina italiana stuprata per mesi dai profughi che sfamava



Un terzo bastardo. Un altro immigrato avrebbe violentato la 13 enne che il 22 ottobre ha fatto arrestare due profughi nigeriani. E l’aggettivo nigeriani a profughi è già ridicolo.

Ascoli, profughi stupratori trasferiti: detenuti italiani volevano linciarli

La drammatica vicenda di Ascoli assume i contorni dello scandalo. Infatti gli abusi sarebbero più d’uno: addirittura andavano avanti da mesi.

Sono queste alcune delle terribili novità nell’inchiesta sul caso che ha aperto uno squarcio sul sistema dell’accoglienza. La ragazzina ha raccontato agli inquirenti di essere stata costretta e violentata in almeno quattro circostanze, tre in città e una a San Benedetto. E proprio in riviera sarebbe comparso il terzo uomo, straniero anche lui, ma di cui la ragazzina non ha saputo fornire le generalità: gli inquirenti lo stanno cercando.

VERIFICA LA NOTIZIA

Era la loro puttana italiana. Questa è l’immigrazione: voi fottuti marinai e ‘volontari’ scaricate in Italia quelli che stuprano le vostre figlie e sorelle. Anche voi, stupratori.

E come li ha conosciuti, questa povera bambina alla quale i media di distrazione di massa hanno fatto il lavaggio del cervello, i profughi? Portando loro il cibo:

Ragazzina italiana portava cibo ai profughi, loro la stuprano

Welcome Refugees. Stupratevi pure le nostre bambine.



Lascia un commento