Roma: 10 milioni di euro per ospitare 310 clandestini

Roma, altri 10,7 milioni di euro per l’accoglienza dei cittadini stranieri che non rientrano nel circuito SPRAR (piano di colonizzazione), il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati del ministero dell’Interno: ovvero per i clandestini.

I nuovi fondi provengono interamente dalle casse del Campidoglio, ovvero dalle tasse dei cittadini romani (e italiani, visto il buco capitolino) e serviranno a finanziare, nel triennio 2018-2020 una serie di progetti “per l’accoglienza di cittadini immigrati in condizioni di fragilità al di fuori del sistema SPRAR”: i clandestini.

A Roma 7.500 Italiani senzatetto: governo cerca casa ai migranti

Si tratta in particolare della creazione di tre nuovi centri di accoglienza, di altrettante comunità di pronta accoglienza e di due comunità alloggio, per un totale di 310 posti. Di questi, 210 saranno riservati a “uomini singoli”, 60 saranno divisi fra donne con figli minori e nuclei familiari, 20 saranno destinati ai “migranti con problematiche psicosociali” e altrettanti ai migranti neo-maggiorenni. Insomma: fancazzisti e pazzi.

L’obiettivo, si legge nel bando per la nuova gara d’appalto, è quello di “garantire servizi di accoglienza” alla “popolazione più vulnerabile della città”. Servizi che, specifica l’assessorato, dovranno sia rispondere “alla complessità dei bisogni emergenti” e alle “vulnerabilità rilevate”, sia “contenere il rischio di tensioni e conflitti sociali sui territori in cui insistono le strutture”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Ancora fiumi di denaro pubblico che foraggiano il business dell’immigrazione, mentre migliaia di cittadini romani sono senza casa o in precarie condizioni di sussistenza economica”, accusa Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia che, recentemente, assieme alla leader del partito, Giorgia Meloni, aveva presentato un dossier con i dati relativi alla ripartizione delle risorse per le politiche sociali a Roma. Dallo studio era emerso come il 70% dei fondi per il sociale messi in campo da Palazzo Senatorio fossero “destinati a migranti e rom”.



Lascia un commento