A Roma 7.500 Italiani senzatetto: governo cerca casa ai migranti

La Carita$ scopre che a Roma ci sono 7.500 italiani senza casa. In questo contesto di disperazione, la loro ricetta è importare immigrati. Così sarà sempre più difficile trovare casa per chi non ce l’ha. Ma sono ‘sottigliezze’ che non comprendono.

“Se l’Italia, soprattutto l’universo giovanile, ha accusato perduranti ferite a causa della lunga crisi, Roma è anche in questo ‘capitale’. La sua ricchezza collettiva appare in caduta progressiva”. E’ quanto si osserva nel rapporto della Caritas di Roma ‘La povertà a Roma: un punto di vista.

Dallo studio emerge “un malessere della città sempre più palpabile. La mappa del disagio sociale nei vari Municipi mostra concretamente come il disagio dalle periferie si sia esteso anche al Centro della città – rileva la Caritas – Si rileva che, accanto alla povertà più tradizionale e visibile, in particolare quella dei senza dimora, emerge una classe di nuovi poveri che pagano un affitto, che lavorano o hanno lavorato e che però non hanno di che vivere”.
“La povertà può assumere anche sembianze imprevedibili – si sottolinea nel rapporto – forme di vero e proprio barbonismo domestico, cioè persone che si riducono in abbandono totale pur essendo
proprietari di una casa”.

Dal rapporto emerge inoltre che oltre il 45% degli utenti dei centri di ascolto Caritas sono italiani. A Roma quasi il 22% della popolazione è composto da anziani, in alcuni municipi questi superano il 43%. Un terzo degli ultrasessantacinquenni di Roma è a rischio povertà.

VERIFICA LA NOTIZIA

Le persone senza dimora censite sono 7.500, ma stime attendibili parlano di 14-16mila. In 10 anni, si osserva nel rapporto della Caritas di Roma, il tasso di disoccupazione a Roma è passato da 7,2 % al 9,8%. La disoccupazione giovanile è al 40,2 % (15-24 anni). Nell’edilizia la crisi ha cancellato 35.000 posti di lavoro. Si stimano 308mila lavoratori irregolari nel terziario. I Neet, giovani che non studiano né lavorano, a Roma sono il 22,5% nella fascia 15-29 anni.

In questa città, vive un uomo ricchissimo che potrebbe dare casa a tutti questi disperati. Si chiama Bergoglio. E potrebbe farlo con i soldi che la sua organizzazione truffa ai contribuenti italiani: l’8 per mille.

Se non ci fossero immigrati, i nostri poveri potrebbe avere casa e lavoro. E chi si rivolge alla casa il doppio degli aiuti. Anzi: non avrebbe nemmeno bisogno di rivolgersi alla Caritas. Ma come tutte le organizzazioni che si nutrono di povertà, anche la Caritas ama i poveri. Vuole che ci siano, altrimenti la propria esistenza sarebbe inutile.

In una città con 7.500 italiani senza casa, il Comune sfratta quelli che ce l’hanno, per darla ai migranti. Quando prenderemo a calci dove non si dice questi personaggi?



Lascia un commento