Padre soldato ucciso da terroristi islamici censurato perché non crede in ‘convivenza pacifica’



Molto critico nei confronti dell’Islam, al padre di Abel, 25 anni, giovane soldato ucciso nel marzo del 2012 a Montauban dal migrante islamico Mohamed Merah, è proibito apparire in televisione. Perché i media scelgono anche i parenti delle vittime che devono apparire all’opinione pubblica: quelli che invocano il perdono e dicono che dobbiamo convivere con i musulmani. I cuckold insomma.

Ha perso suo figlio, Abel, 15 marzo 2012, durante gli attacchi di Montauban e Tolosa, e tuttavia noi non l’abbiamo sentita sui media durante il processo di Abdelkader Merah. La stampa ti evita?

Sono proprio nella lista nera! Sono stato classificato tra i “fachos” . Nel dicembre 2013 ho partecipato a una manifestazione a Creteil a sostegno di una coppia aggredita violentemente da tre uomini a causa della propria identità ebraica. Sul posto, sono intervistato da un giornalista di France 2 e ho usato il termine nazislamista per designare questi criminali. Il giornalista mi chiese di riformulare le mie parole, con il pretesto che questa espressione, cito, “troppo divisiva” e che “avrei messo benzina sul fuoco”! Ho rifiutato. L’intervista non è stata trasmessa.

La Francia è perduta: “Islam controlla interi quartieri, ha propria polizia”

Ma non sono solo i media. Anche i politici, la maggior parte di loro a sinistra, sono stati coinvolti. Alexis Bachelay, allora deputato di PS Hauts-de-Seine, mi ha chiamato “squallido con i metodi del facho!”. Bruno Le Roux, ministro degli interni, mi ha detto che “sono sempre eccessivo”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Bisogna dire che i politici hanno cercato molto di vendermi un concetto: il “vivere insieme”! Un concetto, mi scusi la parola, che ho sempre trovato stupido, perché è impossibile vivere con gli islamisti. Per farmi rigare dritto, mi hanno specificamente chiesto di comportarsi come Latifa Ibn Ziaten, la madre di Ihmad, questo giovane soldato musulmano, ucciso da Mohamed Merah … Questo è il modello da seguire! Io, è vero, non sono “trendy”.

Merah, ricordiamolo, face una strage di bambini in una scuola ebraica. E morirono anche soldati.

Abele non ha mai avuto buona stampa. Molto meglio Caino.



Lascia un commento