“Cercasi domestica locale”, giornale locale si scandalizza

Condividi!

DOPO INNUMEREVOLI FURTI SUBITI

Questo annuncio ha sconvolto i radical chic di Bergamo, quelli che preferiscono la colf africana in nero a basso costo:

Tanto che il giornale locale Bergamonews è andato a fare stalking all’agenzia, come se qualcuno dovesse spiegarsi perché vuole assumere una donna locale invece di una straniera:

Un’offerta di lavoro singolare. Troppo singolare. In cui l’unica caratteristica, a parte l’età e il fatto che sia generalmente esperta, è la lingua (italiana e bergamasca). La famiglia sarà anche signorile, ma l’annuncio è quel tanto fuori luogo che basta a graffiare l’aggettivo precedente. Anzi a farlo decadere immediatamente. E allora suoniamo all’agenzia, ci fanno accomodare e chiediamo se quell’annuncio non sia un po’ razzista. Gentili e davvero disponibili, in pochi secondi si palesa il titolare. Ci fa accomodare e spiega: “L’annuncio è tremendo, selettivo, forse troppo e lo capisco – spiega il titolare dell’agenzia -. Me lo ha chiesto un’amica, esasperata perché purtroppo, e sarà un caso, tutto le domestiche che ha avuto le hanno sottratto qualcosa in casa. Mi ha chiesto esplicitamente chi cercava e dapprima ho arricciato il naso, poi ho deciso di assecondarla. L’offerta di lavoro non è stata e non verrà pubblicizzata, se non su questa vetrina. Capisco tutto lo stupore, ho faticato io stesso a scrivere questo messaggio, ma è stata un’esplicita richiesta ad un’amica in difficoltà”.

Ridicoli gli stalker di Bergamonews. Ridicolo il piccolo personaggio che si scusa goffamente per un annuncio che più normale non si può.

Insomma, devi farti derubare dalle domestiche migranti. E devi anche esserne felice. Insistere nell’errore in nome della nuova religione del politicamente corretto.




Lascia un commento