Senzatetto italiana picchiata da gang chiede aiuto “portatemi via di qui”



Condividi!

Anche in Campania, come nel resto d’Italia, gli amministratori locali pensano più ai migranti che agli italiani. Un caso clinico è De Magistris, che in una città con una emergenza abitativa degna del terzo mondo (ma Roma e Milano non sono lontane), pensa ad accogliere giovani maschi africani in fuga dalla guerra in Siria. Intanto diversi tra i suoi cittadini, quelli veri, vivono per strada.

Una di questi è Tiziana. La senzatetto è vittima da mesi delle violenze e delle sevizie di una baby gang, che l’ha presa di mira insieme al giaciglio che la donna si allestisce di notte nella Galleria Umberto I, a Napoli. Tiziana, 40 anni, tossicodipendente, conosciuta dai commercianti e dai residenti della Galleria, racconta disperata la sua storia.

VERIFICA LA NOTIZIA

“I ragazzini arrivano la notte dai Quartieri Spagnoli, mi riempiono di botte, a volte mi urinano e perfino defecano addosso”. Una volta la donna, che è di corporatura minuta, è stata sollevata di peso dal branco e gettata nella vicina fontana di piazza Trieste e Trento. Con il volto gonfio dalle ultime percosse ricevute, Tiziana ha chiesto aiuto ai passanti e a una giornalista dell’ANSA. “Portatemi via da qui, in qualunque posto”.

De Magistris, portala via di lì. Mettila in uno degli hotel che tu e il governo destinate ai vostri amichi fancazzisti.



Lascia un commento