Germania, Alta corte chiede la legalizzazione del sesso che non esiste



La Corte costituzionale tedesca ha chiesto al Parlamento di introdurre ciò che non esiste, il cosiddetto “terzo sesso”, nel registro dell’atto di nascita. Non più maschio o femmina. Ma anche l’indefinito. Una sorta di genere filosofico.

“Le persone che non si riconoscono nel sesso femminile, ne’ in quello maschile – stabilisce la sentenza dell’Alta corte di Karlsruhe – hanno il diritto di essere registrati dalle autorità in una terza opzione”. Si inscrive tutto nello stesso tentativo di creare una massa indifferenziata formata di mulatti ermafroditi. Perché la natura è duale, negando la dualità, si nega la natura: è questo l’obiettivo profondo di questa campagna di ‘sterilizzazione’ morale.

VERIFICA LA NOTIZIA

Se la richiesta dovesse essere accolta, la Germania diventerebbe il primo Paese europeo a riconoscere il cosiddetto intersex con la possibilità di non identificarsi all’anagrafe come donne o uomini. Il Parlamento è chiamato a legiferare sul “terzo sesso” entro la fine del 2018, ha precisato la Corte di Karlsruhe.

“Siamo davvero felici e senza parole. Si tratta di una piccola rivoluzione nel mondo del gender”, ha scritto su Twitter il gruppo di attivisti Third Option.



Lascia un commento