Espulso Marocchino, finanziava terrorismo islamico

E’ stata eseguita oggi l’espulsione di un cittadino marocchino, per motivi di sicurezza. Nel frattempo ne hanno scaricati qualche centinaia.

Si tratta di un 40enne di nazionalità marocchina, residente in provincia di Pavia, emerso all’attenzione investigativa in quanto segnalato, nel 2015, per essersi adoperato per far ottenere un’ingente somma di denaro a favore di un terrorista marocchino con cittadinanza belga recatosi nell’area siro-irachena per unirsi alle milizie dello Stato islamico.

Le indagini hanno permesso di accertare come lo straniero avesse stretto intensi rapporti con la sfera di influenza islamista presente in Belgio, Paese dove aveva vissuto negli anni scorsi.
A seguito degli approfondimenti informativi che ne hanno confermato il quadro indiziario acquisito, il ministro dell’Interno ha emesso un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale.

VERIFICA LA NOTIZIA

Con quella di oggi sono 92 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, nel corso del 2017 e 224 quelle eseguite dal 1° gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell’estremismo islamico. Avete letto: 224 in 2 anni. Praticamente quelli che sbarcano in mezza giornata. E anche questi, si sono potuti espellere perché non c’è lo ius soli. Altrimenti accadrebbe come in Belgio.



Lascia un commento