Il lato B di Hollywood: “Molestato da Kevin Spacey a 14 anni”



“Sono stato molestato sessualmente da Kevin Spacey quando avevo 14 anni e lui ne aveva 26”. Si parla di pesanti avances sessuali, molestie subite durante una festa organizzata a casa dell’attore al tempo non ancora affatto famoso. Ma perfettamente ‘integrato’ nella perversione hollywodiana.

Lo schifo di Hollywood deborda dalle fogne. Le parole pronunciate da Anthony Rapp, attore della serie Star Trek Discovery, evidenziano tutta la perversione sessuale di un ambiente che con i propri film influenza il mondo e porta avanti la stessa agenda di perversione.

L’attore premio Oscar, star di House of Cards, si è ‘scusato’ via Twitter (“Se è andata come dice lui, allora mi scuso”) rivelando di essere bisex (la perversione a tutto tondo) e di considerarsi gay.

“La mia impressione era che fosse ubriaco – racconta – si avvicinò come uno sposo si prende la moglie alla soglia”.
“Non so esattamente – continua nel racconto – ma ero consapevole che stava cercando di prendermi sessualmente”.
“Da quel momento – racconta ora l’attore di Star Trek – non ci siamo più rivolti parola”.

Qualcuno ancora finge di non comprendere il nesso fin troppo evidente tra omosessualità e quella cosa che non si può dire.



Lascia un commento