Cio: videogiochi sono sport, presto a Olimpiadi



Hanno annusato il business

In un comunicato diffuso oggi dopo il summit tenutosi a Losanna, ilComitato internazionale olimpico sostiene per la prima volta ufficialmente che i videogiochi, i cosiddetti ’e-sports’, possono essere considerati delle discipline agonistiche vere e proprie, e quindi “un’attività sportiva”.

Per essere pienamente riconosciuti dovranno comunque rispettare ivalori olimpici e dotarsi di strutture per i controlli antidoping e la repressione di fenomeni come le scommesse.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Gli e-sports competitivi – è scritto in un comunicato del Cio -possono essere considerati un’attività sportiva, e i giocatori coinvolti si preparano e allenano con un’intensità che può essere paragonata a quella degli atleti delle discipline tradizionali”. E’ il primo passo verso l’ingresso deivideogiochi nel mondo olimpico. I videogiochi di tipo sportivo faranno parte del programma dei Giochi Asiatici del prossimo anno in Indonesia.

Ora resta da capire se le olimpiadi sono ‘sport’.



Un pensiero su “Cio: videogiochi sono sport, presto a Olimpiadi”

Lascia un commento