Isis, dopo Messi tocca a Deschamps



Dopo avere minacciato Lionel Messi con una foto che lo ritraeva dietro le sbarre mentre piangeva sangue, questa volta i jihadisti se la prendono con l’allenatore della nazionale “francese” di calcio Didier Deschamps e lo definiscono un “nemico di Allah”. Forse perché non convoca il correligionario Benzema.

Deschamps appare in un fotomontaggio vestito con la tuta arancione dei prigionieri di Guantanamo con un jihadista alle spalle che lo minaccia con un’arma. Lo riferisce il Site, il sito che monitora le attività dei jihadisti sul web.



Lascia un commento